Scuole Professionali, 7 studenti su 10 trovano lavoro in poco tempo

Vinkmag ad

Frequentando le scuole professionali si trova lavoro in un tempo relativamente breve. Questo assunto che può avere la parvenza di retorica o sembrare un discorso fatto ha invece il riscontro oggettivo di uno studio condotto su un campione di ragazzi diplomati con formazione professionale. Stando a una recente statistica dell’Inapp (ex Isfol), a 3 anni di distanza dall’ottenimento del diploma il livello di occupazione degli studenti delle scuole professionali si attesta sulla ragione percentuale del 69%. In altri termini, 7 ragazzi su 10 trovano lavoro entro 36 mesi dalla Maturità.

La formazione professionale aiuta a trovare lavoro

A tale riguardo sono molto confortanti anche i risultati relativi all’Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS): dopo appena un anno dal diploma 1 studente su 2 riesce a trovare un lavoro, mentre dopo 2 anni la percentuale di coloro che riescono a trovare un impiego sale fino al 64%.

Della ricerca svolta colpisce anche il parere positivo che gli intervistati hanno espresso sui vari aspetti del loro percorso formativo. Molti studenti sono concordi nell’affermare di aver studiato argomenti interessanti, di aver avuto ottimi rapporti con compagni e insegnanti, di aver appreso molte nozioni didattiche e di avere fatto anche degli ottimi stage.

La risposta che colpisce di più, in questo periodo in cui emerge la necessità di trovare 200 miliardi per la scuola e irrompe l’idea di donare l’8 x 1000 alla scuola, è semmai quella che gli studenti intervistati hanno anche detto di avere svolto i loro studi in valide strutture.

Infine, al di là del tempo necessario a trovare lavoro, spicca anche la coerenza tra l’impiego trovato e il percorso di formazione svolto. Gli intervistati, quindi, hanno dichiarato di aver trovato un lavoro che permette loro di mettere in pratica quanto hanno effettivamente studiato sui banchi di scuola.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

8 per 1000 all’edilizia scolastica: proposto emendamento al Decreto Legge

Read Next

Natale a scuola: sì o no alle celebrazioni? Il dibattito è aperto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular