Test sierologici su docenti: screening volontari dal 24 agosto al 5 settembre

Vinkmag ad

Con ordinanza datata 24/07/2020 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 27-7-2020, sono state fornite numerose indicazioni da seguire per effettuare dei test sierologici su docenti su base volontaria. Gli esami in questione, naturalmente, vengono condotti per cercare eventuali tracce di anticorpi specifici per il virus SARS-CoV-2 e riguardano sia il corpo degli insegnanti che il personale ATA di scuole pubbliche e private italiane. Successivamente, con la circolare 0008722 del 07/08/2020, il Ministero della Salute ha stabilito delle indicazioni operative per lo svolgimento di questa campagna di screening.

Test Sierologici su docenti e Ata al via dal 24 agosto

I test sierologici su docenti e ATA interesseranno insegnanti e personale ausiliario, tecnico e amministrativo operanti in strutture quali:

  • Asili nido
  • Scuole dell’infanzia
  • Scuole primarie e secondarie pubbliche
  • Scuole statali e non statali
  • Scuole paritarie
  • Scuole private
  • Istituti di formazione professionale

La predetta campagna di screening si svolgerà da lunedì 24 agosto a domenica 5 settembre. Tuttavia è previsto un possibile allungamento fino alla data di domenica 12 settembre in base al riscontro ottenuto dall’iniziativa.

Come si svolge il test sierologico: prelievo ed esito dell’esame

Il test sierologico viene effettuato attraverso un test rapido pungidito, tipo quello che viene fatto per misurare la concentrazione di glicemia nel sangue. I tempi per conoscere l’esito del test sono di circa 15 minuti e perciò chi si sottopone allo screening potrà aspettare la risposta nella sede di prelievo.

Se il test dà esito negativo non ci sono obblighi e adempimenti da osservare. In caso di riscontro positivo, entro le 48 ore seguenti deve essere effettuato il tampone.

In caso di esito negativo al tampone l’esaminato non dovrà rispettare obblighi e adempimenti; se il tampone è positivo allora significa che l’infezione è in corso e che l’esaminato è un caso Covid-19. In quanto tale il soggetto dovrà sottostare all’isolamento obbligatorio e verrà contattato da ATS per l’inizio della sorveglianza e per l’indagine epidemiologica.

Vincenzo Schirripa

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Azzolina-Sindacati: tutti contro tutti nell’interesse di nessuno

Read Next

Scuola, l’iter da seguire in caso di contagi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular