Ape Sociale 2021: tra i requisiti 63 anni di età e contribuzione trentennale

Vinkmag ad

In ambito scolastico l’Ape Sociale 2021 può consistere in un ideale condotto di uscita dal lavoro per alcune categorie specifiche di lavoratori. In particolar modo, l’Anticipo Pensionistico Sociale può interessare soggetti disabili, chi deve prestare assistenza a familiari anziani o malati, gli insegnanti delle scuole di infanzia e gli educatori di asili nido. Queste ultime due categorie rientrano nel quadro applicativo dell’Ape in quanto soggetti che effettuano lavori gravosi.

Requisiti per l’Ape Sociale 2021

In seguito alla proroga contenuta nella Legge di Bilancio l’Ape Sociale resterà in funzione fino al 31 dicembre 2021.

Riguardo ai requisiti anagrafici, nel 2021 per poter aver accesso all’Anticipo Pensionistico Sociale è necessario avere almeno 63 anni di età.

Per i requisiti contributivi è invece richiesto quanto segue:

  • 30 anni di contributi per invalidi, caregivers e disoccupati
  • 36 anni di contributi per insegnanti di scuole dell’infanzia ed educatori di asili nido

I disoccupati devono aver percepito anche l’ultima mensilità di Naspi spettante, almeno 3 mesi prima di presentare la domanda per l’accesso all’Ape sociale.

C’è da dire che quest’ultima norma contrasta con lo stato dei “disoccupati della scuola” dal momento che la Naspi non può essere fruita dai lavoratori pubblici con contratto a tempo indeterminato.

Per gli invalidi è necessario presentare un certificato di disabilità pari ad almeno il 74%, mentre i prestanti cura devono dimostrare di aver assistito un familiare disabile da almeno un semestre prima di avanzare l’istanza per l’Ape.

Importo del sussidio

La sovvenzione consiste in un assegno di accompagnamento erogato direttamente dall’Inps sino alla pensione di vecchiaia per 12 mesi all’anno.

Il valore del sussidio è uguale all’importo mensile della pensione calcolata al momento in cui viene richiesta l’Ape.

L’importo, in ogni modo, non può superare la somma massima di 1.500 euro lordi.

Vincenzo Schirripa

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Didattica a distanza: per la Azzolina rischia di non funzionare più

Read Next

Atto di indirizzo 2021: gli obiettivi principali del Ministero dell’Istruzione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular