Esame di Maturità 2021, le ipotesi principali: maxiorale o scritto più colloquio

Vinkmag ad

Per lo svolgimento dell’esame di Maturità 2021, in programma a partire dal prossimo 16 giugno, al momento ci sono due 2 ipotesi principali: maxiorale o scritto più colloquio. La prima formula è già stata proposta l’anno scorso e quindi, dal punto di vista organizzativo, il Ministero potrebbe essere avvantaggiato nel riproporla. La seconda formula, invece, rappresenta una sorta di mix tra l’Esame di Stato vecchio stile e la Maturità in presenza dello scorso anno. Una cosa è sicura: quest’anno non ci sarà un’ammissione plenaria, ma gli alunni verranno ammessi in base al loro rendimento scolastico. Riguardo al resto d’Europa è notizia delle ultime ore che in Germania la prova sarà rimandata di almeno 2/3 settimane.

Maturità 2021 in presenza: maxiorale o prova scritta più interrogazione

A causa dell’emergenza epidemiologica anche la Maturità 2021 dovrà necessariamente svolgersi in modo non canonico rispetto agli anni scorsi.

Al momento le principali soluzioni per l’esame di Stato in presenza potrebbero prevedere la riedizione del maxiorale o lo svolgimento di una prova scritta più colloquio.

Maxiorale

Questa ipotesi prevede lo svolgimento di una cosiddetta “interrogazione rinforzata” di fronte a una commissione di docenti interni e di un presidente esterno.

La soluzione in questione è già stata proposta con successo per l’esame di Stato 2020 che ha interessato gli studenti del 2001.

Prova scritta più colloquio

Questa soluzione potrebbe essere interessante perché permetterebbe di reintrodurre lo svolgimento di una prova scritta.

In altri termini, con l’adozione di questa formula l’esame potrebbe risultare più completo e simile a quelli che sono stati svolti fino al 2019.

Riguardo alla decisione finale la ministra Azzolina ha detto: “a breve prenderemo una decisione. I ragazzi a causa dell’incertezza assoluta per le date che slittano come la tela di Penelope, necessitano di avere maggiori certezze che il ministero deve essere in grado di dare”.

Luca Parigi

Read Previous

Call Veloce 2021 per docenti e DSGA: il Ministero verso la conferma della procedura

Read Next

Assistenti di lingua italiana all’estero 2021/22: requisiti e domande

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular