Green Pass Obbligatorio per gli studenti: la misura allo studio del Ministero

Vinkmag ad

Sulla possibilità di introdurre il Green Pass Obbligatorio per gli studenti pare che il Ministero dell’Istruzione si stia riservando l’eventualità di adottare la misura. In particolar modo, il ministro Patrizio Bianchi si ritrova pressoché obbligato a fare una riflessione dopo la richiesta in merito avanzata da molti sindaci. Come riporta La Repubblica, il numero 1 di Viale Trastevere ha confessato al sindaco di Pesaro e presidente di Ali (associazione dei sindaci di centrosinistra e civici), Matteo Ricci, che prenderà in considerazione la proposta con il primo ministro, Mario Draghi, e con il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Green Pass Obbligatorio per gli studenti? Semmai nel 2022

È chiaro che l’eventuale introduzione del Green Pass Obbligatorio per gli studenti ormai potrebbe avvenire soltanto dopo le vacanze di Natale, ovvero dal mese di gennaio 2022.

Al riguardo è bene ricordare che la presentazione del certificato verde per gli alunni delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo e secondo grado è stata chiesta da circa un centinaio di sindaci, tra i quali quelli di grandi città come Milano, Torino, Napoli, Bergamo, Bologna, Firenze, Brescia e Lecce.

Matteo Ricci sostiene che “I bambini e i ragazzi vaccinati non possono ritrovarsi in Didattica a distanza a causa dei loro compagni non vaccinati. Bisogna introdurre il Green Pass anche per gli alunni delle elementari, per gli studenti delle medie e delle superiori. Chiediamo al governo e a Draghi di fare subito un provvedimento per adottarlo nelle scuole.”

Il presidente dell’Anp, Associazione Nazionale Presidi, Antonello Giannelli, invece dice: “Comprendiamo la preoccupazione di chi si trova a dover fronteggiare la quarta ondata che sta investendo in modo particolare la fascia più giovane della popolazione. D’altra parte la scuola necessita di una estrema e doverosa gradualità nell’introduzione di misure che potrebbero comportare una compressione del diritto all’istruzione, pur se determinate da ragione di salute collettiva.”

Luca Parigi

Read Previous

Carta del Docente 2022 da 500 euro: a chi spetta e cosa comprare

Read Next

Burioni a ‘Che tempo fa’: “Incidenza massima del Covid nella fascia 0-9 anni”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Most Popular

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: