“200.000 classi in Dad entro 1 settimana”: la previsione di Giannelli

Vinkmag ad

“200.000 classi in Dad entro 1 settimana da oggi”: questa è la previsione di Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione Nazionale Presidi. Il numero uno dei dirigenti scolastici italiani ha espresso il suo pronostico a Rainews 24. Quello che è sicuro è che quello di gennaio sarà un mese da tregenda per il sistema scolastico tra casi di positività, docenti da sostituire e altre problematiche correlate alla sicurezza negli edifici didattici.

Le parole di Antonello Giannelli a Rainews24

Riguardo alla ripresa delle lezioni in presenza, Antonello Giannelli ha detto: “Il governo italiano ha compiuto una scelta legittima, ma io non sono d’accordo”.

“Per il mio parere sarebbe stato meglio rimandare di 2 o 3 settimane il rientro a scuola, con lo specifico scopo di raggiungere alcuni obiettivi che in questo momento non sono raggiunti. Questo avrebbe permesso di essere abbastanza sicuri di non chiudere più in futuro. Invece, in questo momento, abbiamo riaperto, la pandemia sta andando avanti con numeri preoccupanti e il numero degli studenti positivi (ma anche dei docenti ndr) è in crescita”.

“Stamani sono stato a visitare una scuola molto all’avanguardia in cui il 25% delle classi era in Dad. C’é una previsione di 200.000 classi in Dad entro 7 giorni da oggi – rincara il presidente dell’ANP – un pronostico quasi scontato da fare perché basta applicare una crescita di tipo esponenziale e si giunge immediatamente a questi numeri .

In poche parole, Giannelli si allinea al pensiero di molti governatori regionali, in primis Luca Zaia e Vincenzo De Luca, che avevano chiesto di rimandare di qualche settimana il ritorno tra i banchi.

“Quello che l’esecutivo non ha voluto fare lo farà in ogni modo il quadro pandemico: solo che la pandemia lo fa costringendoci, mentre noi avremmo potuto rinviare l’apertura rinforzando le nostre difese”.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Rientro a scuola, molti docenti assenti: come saranno sostituiti

Read Next

Nuove regole per la quarantena nelle scuole medie e superiori

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular