Cruscotto degli scioperi nel pubblico impiego: cos’è e a cosa serve

Vinkmag ad

Cos’è e a cosa serve il cruscotto degli scioperi nel pubblico impiego? Si tratta di una pagina del sito della Funzione Pubblica nella quale sono riportate tutte le manifestazioni e le agitazioni che interessano i lavoratori della PA. In parole povere, il servizio consiste di un’agenda degli scioperi proclamati per comparti quali la Scuola, la Sanità e le Funzioni Locali. Consultarlo è quindi di aiuto per conoscere, in tempo reale, tutte le iniziative di protesta che potrebbero coinvolgere i predetti settori. Questa utilità ha preso il via nel febbraio 2020.

Contenuti e navigazione del Cruscotto degli scioperi nel pubblico impiego

All’interno del Cruscotto degli scioperi nel pubblico impiego i contenuti sono ordinati cronologicamente, dal più recente al meno recente, e in maniera riassuntiva.

Per ottenere ulteriori informazioni su ogni manifestazione, comunque, è sufficiente cliccare sul bottone “Dettagli” presente sotto la data di svolgimento.

Per quanto concerne la navigazione, nella colonna Tipologia vengono indicate le seguenti definizioni di sciopero:

  • Sciopero Generale, con interessamento di tutti i comparti e settori;
  • Sciopero Nazionale, che interessa specifici comparti e settori.

A tale riguardo, i comparti sono intesi come tutte le Amministrazioni e tutti gli Enti che stipulano CCNL con l’ARAN, oltre al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco; i settori, invece, consistono di specifiche realtà quali ad esempio le Università, i Ministeri e le ASL.

Le informazioni sull’adesione a ogni sciopero vengono sviluppate in base ai dati trasmessi dalle amministrazioni attraverso la procedura GEPAS, ovvero la banca dati nella quale confluiscono le comunicazioni relative agli stessi scioperi proclamati per il pubblico impiego.

Visita la pagina: http://www.funzionepubblica.gov.it/content/cruscotto-degli-scioperi-nel-pubblico-impiego

Luca Parigi

Read Previous

Assistenti di lingua italiana all’estero 2022/23, domande entro il 15 febbraio

Read Next

La situazione della Scuola a metà gennaio 2022

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular