Graduatorie provinciali per le supplenze, prova disciplinare a luglio per i docenti neoassunti

Vinkmag ad

A luglio 2022 i docenti neoassunti dalle graduatorie provinciali per le supplenze dovranno sostenere la prova disciplinare. La predetta prova consiste sostanzialmente in un colloquio “apripista” al contratto a tempo indeterminato dell’anno prossimo. A tale riguardo, il contratto di lavoro di coloro che risulteranno idonei sarà trasformato da tempo determinato a tempo indeterminato con decorrenza giuridica dalla data del 1° settembre 2021, nello stesso istituto scolastico presso il quale hanno prestato servizio a tempo determinato. Vediamo invece cosa possono comportare un giudizio di inidoneità o l’assenza alle prove.

Giudizi di idoneità e inidoneità della prova disciplinare

A sostenere la prova disciplinare sono i docenti neoassunti dalle GPS, ai sensi dell’art. 59, co. 4, del decreto-legge n. 73 del 2021, che superano l’anno di prova.

Come detto nell’introduzione, un eventuale giudizio di idoneità porterà alla trasformazione del contratto di lavoro dei docenti da tempo determinato e indeterminato.

Il giudizio di inidoneità, invece, originerà la decadenza dalla procedura e l’impossibilità della trasformazione del contratto a tempo indeterminato.

In questo ultimo caso il servizio prestato nell’anno scolastico 2021/2022 varrà quale servizio a tempo determinato.

Se il candidato dovesse risultare assente alla prova disciplinare per la data fissata senza aver addotto un giustificato motivo sarà parimenti giudicato inidoneo.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Maturità 2022, sì agli accompagnatori ma a debita distanza

Read Next

Piano Estate 2022: fondi PON per 57.000 progetti in 3.119 scuole

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Most Popular

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: