Prove Invalsi 2020, i test di marzo non incidono sul curriculum

Vinkmag ad

Le Prove Invalsi 2020, in programma nelle scuole italiane dal 2 al 31 marzo, non incideranno sul curriculum degli studenti. I test in questione servono soltanto a valutare la preparazione nazionale riguardo ad alcune materie, ma per gli studenti di quinta svolgerli resta comunque un requisito indispensabile per venire ammessi alla Maturità 2020. In altre parole gli studenti che stanno per accingersi a sostenere queste prove non devono temere nessun giudizio e non devono neanche temere che esse possano incidere sugli scrutini di fine anno.

Le parole della ministra Lucia Azzolina

In un post pubblicato sulla sua pagina Facebook la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha ribadito che: “Le prove Invalsi sono necessarie per conoscere lo stato di ‘salute’ del sistema scolastico e, di conseguenza, per provare a migliorarlo di volta in volta intervenendo laddove sarà dimostrato che ci possano essere le maggiori criticità. Le prove quindi non servono per valutare gli studenti. […] Per questo è importante l’emendamento inserito nel testo del milleproroghe che prevede che i risultati delle prove Invalsi non incidano sul curriculum dello studente, che a partire dall’anno prossimo sarà allegato al diploma. Una scelta ben precisa, che non toglie valore alle prove ma che restituisce loro il corretto valore”.

Sempre in riferimento al milleproroghe un altro emendamento approvato riguarda gli alunni del Trentino Alto Adige. Per gli studenti e le studentesse delle scuole di lingua tedesca e ladina della regione a statuto speciale, infatti, le prove Invalsi non saranno obbligatorie per venire ammessi alla Maturità 2020. Lo stesso principio vale per l’alternanza scuola-lavoro, un requisito che dovrebbe essere introdotto dall’a.s. 2022/2023.

In definitiva, le Prove Invalsi 2020 serviranno soltanto a stimare come il sistema scolastico italiano è in grado di istruire i ragazzi dei nostri istituti attraverso le risposte che loro daranno ai vari quesiti del test.

Luca Parigi

Read Previous

Coronavirus, contro i pregiudizi menù cinese in alcune scuole della Toscana

Read Next

Voti con le emoticon a Modena: l’esperimento in due prime classi

One Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Most Popular

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: