Pensioni 2024, le novità per il prossimo anno: Quota 103, Ape Sociale, Opzione Donna

Vinkmag ad

Varie novità e non tutte rosee per le Pensioni 2024. In questa sede scopriamo le principali novità per il prossimo anno per Quota 103, Ape Sociale e Opzione Donna. Da sottolineare il il ritorno delle norme della legge Fornero. La manovra in tema pensionistico introduce sia nuovi paletti che nuove finestre che ritardano la messa a riposo al 2025 e decrementano l’importo delle spettanze per chi sceglie soluzioni alternative di pensionamento.

Pensioni 2024: Quota 103, Ape Sociale, Opzione Donna

Partiamo col ricordare che dall’anno 2012 l’età per la pensione di vecchiaia è stabilita a 67 anni con un minimo di 20 anni di versamenti contributivi.

Per la pensione anticipata è invece richiesto un contributo di 42 anni e 10 mesi (42 anni e 9 mesi per le donne), indipendentemente dall’età.

Quota 103

La Quota 103, in essere dal 2024, permette il pensionamento a 62 anni con 41 anni di contributi.

La differenza sostanziale rispetto alle Quote del passato è il ricalcolo contributivo dell’intero assegno. Ciò va a determinare assegni più bassi e non tiene in considerazione il “sistema misto”.

Tra le altre cose viene introdotto un tetto massimo all’assegno, con limitazione dell’importo pensionistico a 2.394 euro lordi mensili fino al raggiungimento dei 67 anni di età.

Ape Sociale

L’Ape sociale è di fatto un “assegno cuscinetto” rivolto alla categoria dei lavoratori fragili.

Dal 2024 l’età minima per accedere a questa soluzione si alza a 63 anni e 5 mesi. L’importo massimo resta 1.500 euro lordi al mese, ma vengono tolte alcune compatibilità con redditi da lavoro.

Opzione Donna

Per questo iter alternativo di pensionamento l’età minima si eleva a 61 anni con 35 anni di contributi. Sono previsti sconti per le madri, ma l’assegno viene calcolato con il metodo contributivo.

In finale, ricordiamo una volta di più che i lavoratori che hanno iniziato il loro percorso professionale dopo il 1° gennaio 1996 sono quelli che sono destinati ad avere restrizioni maggiori anche perché le loro spettanze vengono esclusivamente calcolate con il sistema contributivo.

Seguici su Google News

Vincenzo Schirripa

Read Previous

“Un Natale ricolmo di serenità e di gioia a docenti, dirigenti e studenti”. Gli auguri via video del Ministro Valditara

Read Next

Guida Ambiente Indire per anno di formazione e prova di docenti neoassunti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: