Sciopero Scuola 8 gennaio: vacanze di Natale più lunghe?

Vinkmag ad

Con una nota emessa in data lunedì 9 dicembre l’Associazione Sindacale SAESE ha indetto uno sciopero nazionale del corpo docente e del personale ATA, impiegato a tempo determinato e indeterminato, per la giornata di mercoledì 8 gennaio. L’agitazione sarebbe promossa per la richiesta di attuazione di alcuni provvedimenti di carattere alimentare. In linea generale la sigla sindacale si dichiara contraria e insoddisfatta alle varie azioni di natura politica e legislativa intraprese dal governo per la Scuola. Chiaramente, se questa discesa in piazza si dovesse concretizzare le vacanze di Natale per gli studenti potrebbero allungarsi.

Sciopero scuola 8 gennaio: le ragioni dell’indizione

Lo sciopero scuola dell’8 gennaio si svolgerebbe per la richiesta dei seguenti punti:

  • introduzione della classe di concorso A031 grado – “Scienze degli alimenti” in ogni scuola italiana di qualsiasi ordine e grado;
  • introduzione della materia o di nozioni di educazione alimentare nella Scuola, al fine di contrastare l’obesità infantile;
  • divulgazione di stili di vita più sani per la persona e più sostenibili per l’ambiente.

Sicuramente educare le nuove generazioni a uno stile di vita più sano, sportivo e regolare è un dovere delle famiglie, ma anche di tutto l’apparato scolastico. La buona alimentazione e la salvaguardia dell’ambiente sono dei temi che negli ultimi anni si sono imposti sui banchi e l’augurio è che possano diventare degli obiettivi da perseguire costantemente.

Al fine di garantire delle mense adeguate, tra l’altro, dall’inizio dell’anno la fattiva sinergia tra Carabinieri e Ministero della Salute ha disposto una serie di controlli che sono culminati nella sospensione di 21 ditte di catering scolastico e nel sequestro di 900 Kg. di alimenti.

In definitiva, le varie nozioni scolastiche non devono consistere solo in date, eventi, formule, prose e verifiche, ma devono tradursi anche in informazioni riguardanti la vita di tutti i giorni e la difesa del pianeta che ci ospita.

A questo punto, quindi, non resta che constatare se lo sciopero andrà in porto o se i ragazzi torneranno normalmente tra i banchi di scuola tra il 7 e l’8 gennaio.

Vincenzo Schirripa

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Mense scolastiche, dall’inizio dell’anno sospese 21 ditte di catering

Read Next

CUN 1979-2019, i 40 anni del Consiglio Universitario Nazionale

One Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular