Cyberbullismo: 1 milione di euro per la preparazione dei docenti

Vinkmag ad

La lotta al bullismo, e a tutte le forme attraverso alle quali si manifesta, richiede che vengano stanziate anche delle somme per preparare adeguatamente i docenti sul tema. Per contrastare il cyberbullismo, ovvero quell’insieme di vessazioni che vengono compiute attraverso l’uso della Rete e dei social network, il Governo in sede di Commissione Bilancio ha approvato un emendamento che prevede l’impiego di un ammontare di risorse, quantificabili in 11 milioni di euro, sia per progetti di inclusione scolastica che per preparare gli insegnanti e i professori sui fenomeni di bullismo sui banchi e sul Web (1 milione di euro).

Cos’è il Cyberbullismo

Come conseguenza del suicidio di una ragazza di 14 anni, il fenomeno del cyberbullismo è stato disciplinato da una legge del maggio 2017. Tale testo prevede serie sanzioni per i responsabili di atti denigratori e la rimozione dei contenuti offensivi da tutti i canali Web nel quale sono stati postati.

Tornando alla definizione, si parla di “cyberbullismo” quando siamo in presenza di “ogni forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni realizzata per via telematica”.

Lo stanziamento di un milione di euro per contrastare questo fenomeno si è reso necessario perché gli episodi di bullismo non accennano a diminuire, ma anche perché c’è bisogno che i docenti siano informati il più possibile su pratiche e interventi utili a prevenire e a contrastare soprusi e angherie. Molti insegnanti, infatti, sono sempre disponibili ad offrire appoggio e comprensione ma è importante che essi possano venire messi a conoscenza anche di strategie e di azioni più mirate da compiere in caso di necessità.

Dal voto unanime sull’emendamento riguardante bullismo, cyberbullismo e discriminazioni di genere si evince facilmente che su questa lotta non sventolano particolari bandiere politiche e che i nostri governanti sono tutti concordi sulle decisioni da prendere.

Luca Parigi

Read Previous

Concorso per infanzia e primaria, un altro dei concorsi scuola del 2020

Read Next

Legge di Bilancio 2020, le novità per la scuola dal sostegno all’edilizia scolastica

One Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular