Iscrizione agli asili 2020/21: tutto quello che c’è da sapere

Vinkmag ad

Quali sono i tempi e le modalità per l‘iscrizione agli asili per l’anno scolastico 2020/2021? Scopriamo tutto quello che c’è sapere riguardo alla domanda da presentare (se online o cartacea) e al lasso di tempo utile per effettuare la richiesta. Scopriamo anche l’età dei bambini che possono iscriversi alla scuola dell’infanzia e se possono essere accettati anche bimbi di età minore a quella canonica.

Tempistica e modalità di iscrizione alla scuola dell’infanzia 2020/2021

Le domande di iscrizione agli asili 2020/2021 vanno presentate in un lasso di tempo compreso dal 7 al 31 gennaio 2020.

La richiesta da presentare alla scuola scelta deve consistere di un modulo cartaceo da scaricare a questo link. A differenza dell’iscrizione alla scuola primaria e secondaria, quindi, le iscrizioni alla scuola dell’infanzia non possono essere fatte online.

Riguardo all’età, possono essere iscritti alle scuole dell’infanzia italiane i bimbi che hanno un’età compresa tra 3 e 5 anni compiuti entro il 31 dicembre 2020. Su precisa richiesta dei genitori, inoltre, possono essere iscritti anche i bambini che compiono il terzo anno di età entro la data del 30 aprile 2021.

Qualora si verifichi il caso in cui una scuola riceva troppe domande, hanno la precedenza d’iscrizione i bimbi che compiono il terzo anno di età entro la data del 31 dicembre 2020. In linea generale, l’iscrizione dei bambini più piccoli è subordinata ai seguenti fattori:

  • reale disponibilità dei posti
  • scrematura di eventuali liste di attesa
  • disponibilità di ambientazioni e attrezzature idonee per bimbi di età inferiore ai 3 anni
  • valutazione oggettiva, a carattere pedagogico e didattico, effettuata del collegio dei docenti

Riguardo alla frequenza, l’orario di funzionamento degli asili italiani è di norma pari a 40 ore settimanali. Su richiesta delle famiglie tale orario può essere abbassato a 25 ore settimanali, o al contrario innalzato fino a 50 ore.

Avatar

Luca Parigi

Read Previous

24 CFU per l’insegnamento: ottieni i crediti formativi con Corso Docenti!

Read Next

200 miliardi di euro: è la cifra per mettere in sicurezza le scuole italiane

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular