Bianchi a Porta a Porta: “Cattedre coperte a settembre, ma completare la vaccinazione dei docenti”

Vinkmag ad

Il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, è intervenuto alla trasmissione Porta a Porta e ha rilasciato varie dichiarazioni sul presente e sul futuro prossimo della scuola. Prima di tutto una precisazione sulla continuità didattica che in questi difficili mesi di pandemia non è mai venuta a mancare: “La scuola non ha mai chiuso, fin dai primi momenti i nostri insegnanti hanno sperimentato e innovato degli strumenti; la didattica a distanza l’abbiamo sperimentata e cambiata; non è stato un anno di chiusura, quanto semmai di grande innovazione”.

Cattedre a settembre, Scuola in Estate e vaccinazioni

Nel corso della trasmissione condotta da Bruno Vespa il responsabile del dicastero di Viale Trastevere ha risposto a domande su vari argomenti.

Sulla copertura delle cattedre per l’inizio del prossimo anno scolastico il ministro Bianchi ha detto: “Stiamo lavorando per settembre, per evitare di avere cattedre scoperte. Stiamo lavorando in tutta Italia per questo, sappiamo la grande sfida che abbiamo di fronte”.

Sul progetto Scuola Estate 2021 il titolare del ministero scolastico ha invece detto: “Avremo un’estate diversa perché abbiamo messo 510 milioni dare continuità, per fare un ponte fra questo e il nuovo anno scolastico. Organizzeremo una stagione di recupero di socialità, chiaramente su base volontaria”.

A questo punto è bene specificare che le scuole e i docenti hanno la piena facoltà di aderire o meno alle iniziative ministeriali estive. Le varie iniziative che saranno messe in campo, infatti, non saranno mirate tanto al rinforzo della didattica quanto semmai al recupero della socialità.

Il ministro Bianchi si è poi espresso su un tema assolutamente attuale quali le vaccinazioni: “La mancanza di 20 docenti in una scuola è un problemone. Siamo giunti al 70% di vaccinazioni, dopo aver vaccinato i più anziani e i fragili, torneremo a completare le vaccinazioni. Il corpo insegnante è maturo, la metà dei docenti delle nostre scuole ha più di 55 anni, è giusto che si preoccupino. Bisogna completare le vaccinazioni e bisogna avviare un fortissimo investimento nella scuola: ora siamo in grado di farlo, con l’aiuto dell’Europa”.

Sugli Asili Nido: “Gli asili nido sono importanti per le famiglie e per i bambini. Abbiamo un grande divario nel Paese e i 4 miliardi e mezzo servono per offrire a tutti le medesime opportunità”.

Vincenzo Schirripa

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Prove Suppletive per il Concorso Straordinario Scuola Secondaria dal 14 al 20 maggio

Read Next

Esame di Stato 2021: assegnazione dell’elaborato entro il 30 aprile

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular