L’inclusione via web, la pagina per la didattica a distanza per studenti disabili

Vinkmag ad

Il Ministero dell’Istruzione ha approntato una pagina per l’inclusione via web dedicata alla didattica a distanza per studenti disabili. Favorire le attività di e-learning, infatti, da qualche settimana è diventato fondamentale per supportare tutte le scuole che sono state chiuse per provare a contenere la diffusione del COVID-19. Il canale tematico per le lezioni online dedicate agli studenti con disabilità contiene molte informazioni utili per poter effettuare l’insegnamento nel migliore dei modi. La sezione, quindi, è quantomai utile per dirigenti scolastici e insegnanti.

La sezione dedicata all’inclusione via web

Nella sezione dedicata all’inclusione via web viene messo a disposizione molto materiale utile quale norme, approfondimenti, esperienze didattiche, risorse. collegamenti, radio web e webinar.

Nella stessa pagina sono poi indicate alcune piattaforme digitali che è possibile usare a titolo gratuito grazie ai contributi di soggetti privati che si sono mossi attivamente rispondendo alla richiesta lanciata dal Ministero dell’Istruzione.

Altre informazioni in tema di accessibilità e di inclusione che non è possibile rinvenire nella pagina potranno essere espressamente richieste inviando una mail a: supportoscuole@istruzione.it.

Nelle prossime settimane, comunque, la pagina sarà continuamente aggiornata con del nuovo materiale.

Per accedere alla pagina per la didattica a distanza per studenti disabili seguire il link: https://www.istruzione.it/coronavirus/didattica-a-distanza_inclusione-via-web.html

L’utilità di Teamviewer

Tra i migliori strumenti per la didattica a distanza per studenti disabili c’è Teamviewer, un sistema che permette al docente di sostegno e ai ragazzi di condividere e operare sullo stesso screen.

Quanto detto sopra si concretizza di fatto con il controllo da remoto del PC dell’allievo, per la realizzazione finale di una “Postazione Bifronte”.

Con questo sistema, in definitiva, sia l’insegnante che l’alunno (o gli alunni) controllano lo stesso screen con il mouse e possono operare come se fossero seduti accanto.

A questo punto appare piuttosto improbabile che le scuole possano riaprire il 3 aprile. Per questo motivo riscopriamo subito altre efficaci soluzioni per attività di e-learning.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Didattica a distanza: classi virtuali, compiti a casa e voti online

Read Next

Emergenza Sanitaria, le scuole non riapriranno il 3 aprile

One Comment

  • […] Le scuole non riapriranno il 3 aprile. Considerato l’alto numero di contagi, il fatto che l’epidemia da Coronavirus non ha ancora raggiunto il picco e la grave situazione che si registra in regioni come Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, il primo ministro Giuseppe Conte ha detto che gli istituti scolastici italiani non potranno riaprire i battenti in quella data. Se non altro, giorno dopo giorno i docenti e gli studenti stanno migliorando il sistema per svolgere lezioni online nelle loro classi virtuali. Al riguardo il Ministero dell’Istruzione ha anche approntato una pagina per la didattica a distanza di alunni disabili. […]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular