Selezione per 14.000 posti di TFA sostegno: requisiti di partecipazione e durata del corso

Vinkmag ad

Il TFA sostegno, ovvero il corso di specializzazione organizzato delle Università, è già stato approvato dal MEF e verrà organizzato dal MIUR in 3 sessioni. La prima tranche, per 14mila posti, è stata lanciata nell’Anno Accademico 2018/19 ed è tuttora in corso di svolgimento. Il secondo ciclo per altri 14mila posti potrebbe essere bandito in breve tempo e a tale proposito scopriamo cosa ha detto in merito il sottosegretario al Ministero della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina.

A breve nuova selezione per 14mila posti di TFA sostegno

“Sta per concludersi – ha detto Azzolinail 4° ciclo del corso di specializzazione per 14.000 posti. Ne seguiranno altri due, di cui uno verrà indetto a breve, ciascuno per altri 14.000 posti. In totale, quindi, i posti banditi saranno 42.000 nel triennio 2018/2020. In questo modo si mira a soddisfare l’esigenza di coprire il fabbisogno di docenti specializzati, evitando il ricorso a personale a tempo determinato sprovvisto di titolo specifico per il sostegno”.

Al computo dei 14.000 posti vanno poi sommati quelli già riservati agli idonei del corso precedente, ovvero agli insegnanti che hanno già superato le varie prove di selezione, ma che non sono stati ammessi per scarsità del numero di posti disponibili. Il loro numero va dai 5.000 ai 7.000.

A tale proposito il sottosegretario rassicura gli interessati dicendo che “gli idonei hanno diritto direttamente alla frequenza in soprannumero del prossimo ciclo.”

Requisiti di accesso per TFA sostegno

Al momento attuale i requisiti di accesso per TFA sostegno sono i seguenti:

  • Abilitazione specifica sulla classe di concorso o, in alternativa, laurea coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso
  • 24 Crediti Formativi Universitari (CFU) in discipline antropologiche, psicologiche, pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche.

Gli ITP saranno ammessi con il possesso del solo diploma fino al 2024/25. Da quella data in poi sarà richiesta la laurea triennale più il possesso di 24 CFU.

Prove selettive

Molto probabilmente il test di selezione sarà formato da 60 domande con 5 soluzioni possibili. Potrebbero venire indette anche una prova scritta ed una orale, sugli argomenti previsti dal bando.

Coloro che supereranno le prove accederanno al corso con durata annuale che rilascia il diploma di specializzazione per le attività di sostegno. Il corso in questione ha una durata minima di almeno 8 mesi e prevede l’acqusizione di 60 Crediti Formativi Universitari.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Incendio in una scuola di Ancona: uno studente ammette le sue colpe

Read Next

Progetto di legge per equiparare lo stipendio ITP a quello dei docenti laureati

One Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Most Popular