Immissioni in ruolo degli insegnanti: le possibili novità dal settembre 2020

Vinkmag ad

Riguardo alle immissioni in ruolo degli insegnanti è possibile che dal settembre 2020 si possa aprire un nuovo scenario. Tutto dipende dall’approvazione definitiva del Decreto Scuola che il 3 dicembre è passato dalla Camera al Senato. Il testo originario della bozza, che dovrebbe trasformarsi in legge entro il 29 dicembre, è stato ritoccato con numerosi emendamenti e include indicazioni riguardanti le indizioni dei prossimi concorsi scolastici, lo stato di servizio dei docenti e altre importanti specifiche.

Immissioni in ruolo 2020: graduatorie ad esaurimento, concorsi 2016 e 2018 e prova concorsuale straordinaria

In primo luogo le nuove immissioni in ruolo dei docenti saranno decretate dalla seguente ripartizione: il 50% dalle GaE e, per i posti non assegnati dalle graduatorie ad esaurimento, il 50% dai concorsi 2016/2018.

Riguardo alle graduatorie del concorso bandito nel 2018 e riservato agli insegnanti abilitati, ai sensi del co. 3 dell’art. 17 del Decreto Legislativo 59/2017 va sottolineato che al netto dei posti assegnati con le graduatorie dei concorsi banditi nel 2016 sarà effettuata questa ripartizione per anni scolastici:

  • 2018/2019: 100% dei posti
  • 2019/2020: 100%
  • 2020/2021: 80%
  • 2021/2022: 80%
  • 2022/2023: 60%
  • 2023/2024: 60%
  • 2024/2025: 40%
  • 2025/2026: 40%
  • 2026/2027: 30%
  • 2027/2028: 30%
  • Bienni successivi: 20% fino al completo scorrimento di ogni graduatoria di merito regionale.

Leggi il testo completo del decreto legislativo 59/2017 sulla Gazzetta Ufficiale.

Conclusa questa fase, per la scuola secondaria, si passerà alle assunzioni da concorso straordinario 2020. Alla prova concorsuale straordinaria spetterà il 50% dei posti rimasti vacanti dalla fase precedente, fino all’esaurimento di 24.000 posti.

Call veloci per province diverse

I docenti già presenti nelle GaE e nelle graduatorie delle prove concorsuali 2016 e 2018 possono candidarsi per l’immissione in ruolo in zone diverse da quelle di pertinenza delle stesse liste.

Sarà possibile scegliere una o più province della stessa regione italiana, per ciascuna graduatoria di provenienza. Le immissioni in ruolo da questa procedura saranno stabilite entro la data del 10 settembre di ogni anno scolastico.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Terremoto in provincia di Firenze, edifici danneggiati e scuole chiuse nel Mugello

Read Next

Bando di concorso per assunzione di personale ATA da imprese di pulizia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular