Libri di testo per l’anno scolastico 2020-2021: l’ordinanza per l’adozione

Vinkmag ad

Il Ministro dell’Istruzione ha pubblicato l’ordinanza relativa all’adozione dei libri di testo per l’anno scolastico 2020/2021. In sostanza, il testo in questione dispone che entro la data dell’11 giugno gli istituti scolastici statali e le scuole paritarie possono decidere di adottare nuovi volumi oppure confermare gli stessi già in uso anche per la prossima annata. Le eventuali adozioni di nuovi libri devono essere poi comunicate online oppure offline entro la data del 22 giugno 2020. Quest’anno, purtroppo, i docenti non hanno avuto tante occasioni per confrontarsi su questo tema, perché il sistema scolastico è stato praticamente sempre impegnato in attività di didattica a distanza.

L’adozione dei libri di testo per il prossimo anno scolastico

L’articolo 2 dell’Ordinanza relativa all’adozione dei libri di testo per l’anno scolastico 2020/2021 sancisce che entro la data dell’11 giugno 2020 i Collegi degli Insegnanti delle scuole statali e paritarie possono operare due scelte:

a) Adottare nuovi libri di testo o nuovi strumenti didattici alternativi ad essi.
b) Confermare i libri di testo già in uso.

Quest’ultima scelta, almeno per l’anno in corso, potrebbe essere principalmente dovuta al fatto che la chiusura delle scuole, avvenuta a marzo, non ha permesso troppi confronti tra docenti dai quali magari sarebbero potute scaturire nuove scelte adozionali.

L’art. 4 dell’ordinanza relativa ai testi scolastici per l’anno 2020/2021 specifica invece quali devono essere le modalità tramite le quali devono essere comunicate le adozioni. In particolar modo, le scuole devono comunicare i dati online, attraverso il sito www.adozioniaie.it, oppure offline, entro il 22 giugno 2020. L’articolo 5, infine, reca le disposizioni in favore degli studenti non vedenti o ipovedenti.

Leggi e scarica l’Ordinanza Ministeriale n.17 del 22/05/2020.

Avatar

Luca Parigi

Read Previous

Concorsi Scuola 2020, chi vuole le prove e chi le graduatorie

Read Next

Concorso per 32mila docenti precari dopo l’estate: l’intesa raggiunta nella notte

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular