Soldi per la Scuola: 2.5 miliardi per il ritorno sui banchi a settembre

Vinkmag ad

In questo periodo e almeno fino al mese di settembre nessuno potrà dire che non ci sono soldi per la Scuola. Infatti, tra lo stanziamento previsto dal Decreto Scuola e il curioso avanzo del Piano Operativo Nazionale, per il ritorno sui banchi a settembre sono disponibili 2,5 miliardi di Euro. Sicuramente un bel “gruzzolo” per provare a ripartire in sicurezza, con la speranza che l’anno scolastico 2020/21 sia meno frastagliato di quello che si è appena concluso. A tale proposito, ancora pochi giorni e poi si concluderà anche l’originalissima Maturità 2020.

Soldi e Plexiglas: a Radio 24 la Azzolina dice tutto

I soldi? Per un po’ di mese ce ne saranno tanti. Il plexiglas? Una vera e propria bufala senza alcun fondamento.

Il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, intervistata da Radio 24 ha speso parole sia per commentare le prossime entrate nel portafoglio scolastico, sia la fantomatica misura anti-contagio che era trapelata nelle scorse settimane.

“Quando mi sono insediata al Ministero di Viale Trastevere ho chiesto di poter vedere il bilancio e capire se potevano esserci dei soldi non spesi, delle risorse da utilizzare. Mi è stato detto che ero il primo ministro in assoluto a fare questa domanda. Fatto sta che c’erano 800 milioni di euro di Pon non spesi e ora li stiamo usando e li useremo per più di una finalità. Il miliardo cercato, quindi, in realtà c’era già, ma nessuno lo aveva capito”.

Per il mese di settembre, quindi, i soldi per la Scuola sono 2,5 miliardi provenienti da queste fonti:

  • 1.5 miliardi da Decreto Rilancio
  • Circa un miliardo da dal Piano Operativo Nazionale

“Il plexiglas in classe? È una vera e propria bufala e lo è stata sempre, fin dal primo momento. Le Linee guida non ne parlano da nessuna parte”.

Per il rientro a scuola a settembre, infatti, ecco le linee guida ministeriali.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Rientro a scuola a settembre: le linee guida definitive

Read Next

Mobilità docenti 2020/2021: soddisfatto il 55% delle richieste

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular