Superiamo i divari, il nuovo servizio del sito del Ministero dell’Istruzione

Vinkmag ad

La mattina di martedì 14 luglio la Vice Ministra dell’Istruzione Anna Ascani ha presentato il portale “Superiamo i divari”, realizzato dallo stesso dicastero scolastico in sinergia con l’Impresa sociale “Con i bambini”. Alla presentazione hanno preso parte rappresentanze di INDIRE, INVALSI e delle regioni italiane interessate dal Piano di intervento per la riduzione dei divari territoriali nel comparto dell’istruzione, ovvero Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia). Infine, ha partecipato all’evento anche il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Giuseppe Provenzano.

Superiamo i divari, nuova sezione sul sito del Ministero dell’Istruzione

Superiamo i divari sarà attivo dal prossimo anno scolastico sul sito del Ministero dell’Istruzione.

Si tratta di uno strumento rivolto alle scuole ubicate nei territori in maggiore difficoltà e dovrà rappresentare un sicuro punto di riferimento per il coordinamento delle attività finalizzate a colmare il gap tra i divari territoriali che al momento persistono in varie zone dello Stivale.

Attraverso il servizo Superiamo i divari gli Uffici Scolastici Regionali, gli Assessorati, gli Enti e tutti coloro che partecipano attivamente a questa iniziativa potranno fruire di materiali informativi e ed economici per finanziare iniziative locali a favore degli studenti e potranno confrontarsi tra di loro per per intervenire con dei modus operandi sempre più coordinati a livello nazionale.

Il servizio sarà formato da un’area pubblica e da un’area riservata. Quest’ultima sarà riservata alle scuole che così potranno condividere le loro esperienze positive e collaborare costantemente per potenziare le competenze dei ragazzi.

Su questo progetto la vice ministra dell’Istruzione, Anna Ascani, ha detto: “Intervenire sui divari territoriali esistenti in Italia è una priorità ministeriale. A tale riguardo siamo costantemente impegnati con la Ministra Azzolina. Durante le settimane cruciali di questa emergenza epidemiologica la scuola italiana ha fatto un grandissimo lavoro, ma sono oggettivamente emerse anche delle discrepanze e alcune fragilità del sistema”.

Luca Parigi

Read Previous

Corso Pekit Online con Certificazione riconosciuto dal Miur

Read Next

Misurazione della febbre degli studenti a casa per il rientro a scuola

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular