Nuovo DPCM del 18 ottobre 2020: a Scuola ingressi dopo le 9 e didattica a distanza integrata

Vinkmag ad

Tra le principali misure per la Scuola contenute nel nuovo Dpcm del 18 ottobre 2020 figurano ingressi dopo le 9 per gli studenti delle superiori e e didattica a distanza integrata. La chiara finalità è quella di cercare di smaltire il trasporto pubblico e quindi alleggerire il carico di autobus o altri mezzi adibiti al trasporto mattutino degli studenti. Le scuole, quindi, non chiudono ma ora bisogna vedere quali saranno i prossimi dati di questa emergenza epidemiologica che da qualche giorno ha ormai raggiunto la quinta cifra di positivi.

Nuovo DPCM del 18 ottobre 2020: per le superiori ingressi a scuola dopo le 9 e Dad integrata

L’intervento del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, andato in onda alle 21:30 di domenica 18 ottobre, ha sostanzialmente confermato alcune anticipazioni.

Infatti, la ministra dei Trasporti Paola de Micheli nella trasmissione “Mezz’ora in più” in onda su Rai Tre, aveva preannunciato: “non ci sarà una riduzione della quota di riempimento dei mezzi di trasporto locali, ma l’adozione di altre misure: l’ingresso scaglionato per le scuole superiori, orari differenziati per i lavoratori e un maggior ricorso allo smart working rispetto alla quota del 50% attuale”.

In altre parole, a essere maggiormente interessati dalle disposizioni del nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sono i ragazzi delle scuole superiori. Gli studenti della scuola secondaria di secondo grado entreranno a scuola dopo le 9 e potranno fare sia didattica in presenza che online.

Le altre misure restrittive

Queste le altre misure dell’ultimo DPCM:

  • Ristoranti aperti dalle 5 di mattina a mezzanotte
  • Al ristorante per ogni tavolo potranno esserci massimo 6 persone
  • Bar chiusi alle 18 qualora non venga effettuato il servizio ai tavoli
  • Stop a sagre e fiere locali, ma sì a fiere di carattere nazionale
  • Congressi e meeting solo online
  • Vietati gli sport da contatto a livello amatoriale (allenamenti e gare) quali calcetto, pallavolo, pallanuoto ecc.

Palestre e piscine avranno una settimana per adeguarsi: “C’è stato un intenso dialogo anche il Comitato Tecnico Scientifico. […] Daremo una settimana per adeguare i protocolli e verificarne il rispetto. Se questo avverrà, non ci sarà ragione di chiudere le palestre. Altrimenti, saremo costretti a interrompere le attività nelle palestre e nelle piscine”.

Vincenzo Schirripa

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Concorso Straordinario 2020, molti chiedono il rinvio ma per ora si fa

Read Next

Giochi delle Scienze Sperimentali 2021

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular