Cattedre vacanti, a Firenze mancano ancora 450 supplenti

Vinkmag ad

Siamo a fine 2020 e ci sono ancora delle cattedre vacanti. Andando ad analizzare il fenomeno più a fondo, ad esempio, La Repubblica ha stimato che a Firenze mancano ancora 448 supplenti dei quali 100 docenti alla scuola dell’infanzia (di cui 83 per il sostegno), 111 alla scuola primaria (di cui 70 insegnanti di sostegno), 86 alle scuole medie (di cui 28 professori di sostegno) e 151 alle scuole secondarie di secondo grado (di cui 25 di sostegno). Per questo motivo molti insegnanti possono ancora sperare di trovare degli incarichi di supplenza per quest’anno scolastico inviando delle Mad Online, anche se sono iscritti alle GPS.

L’Iter per le supplenze dell’anno scolastico 2020/2021

Per quanto riguarda l’iter delle supplenze per l’anno scolastico 2020/2021, il DL Scuola votato lo scorso giugno ha sancito la riapertura delle graduatorie di istituto di ex seconda e terza fascia.

In data 10 luglio, poi, il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato l’O.M. 60/2020 decretando l’ aggiornamento delle graduatorie oltre che la variazione, in alcune parti, del regolamento per le assunzioni dei supplenti. Le graduatorie sono diventate Graduatorie Provinciali per le Supplenze, le relative domande sono state inviate entro la data del 6 agosto, ma i primi di settembre gli Uffici Scolastici hanno pubblicato molte liste errate.

C’è poi il nodo MAD: la Nota 26841 del 5 settembre 2020, infatti, stabiliva che le domande di messa a disposizione potevano essere inviate solo dai docenti che non risultavano iscritti in nessuna graduatoria provinciale o di istituto.

La successiva Nota 34635 del 4 novembre 2020, invece, ha dichiarato che anche gli iscritti alle graduatorie avrebbero potuto inviare la messa a disposizione, ma che il ricorso ad esse sarebbe avvenuto solo dopo l’esaurimento di tutte le GPS e di tutte le GI.

Dopo tutto questo iter, però, mancano ancora dei posti e siamo già alla fine di questo sciagurato 2020.

Vincenzo Schirripa

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Sciopero nazionale di mercoledì 9 dicembre: la circolare 29112

Read Next

Troppi precari nella PA, l’Unione Europea ribadisce la procedura d’infrazione all’Italia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular