Graduatorie ad Esaurimento, possibilità di reinserimento alla prossima finestra

Vinkmag ad

Per le Graduatorie ad Esaurimento c’è una possibilità di reinserimento alla prossima finestra di aggiornamento. In altre parole, chi non avesse presentato un’istanza di aggiornamento GaE per il triennio 2019/20, 2020/21, 2021/22 può reinserirsi in occasione della prossima apertura. Per fare un esempio ancora più pratico, coloro che non hanno presentato domanda di aggiornamento per le GaE del triennio in essere, potranno chiedere il reinserimento al prossimo aggiornamento nel 2022, che sarà valido per gli anni scolastici 2022/23, 2023/24 e 2024/25. I docenti potenzialmente interessati sono 7.000 ma non è detto che nel frattempo non siano già stato immessi in ruolo tramite altri canali.

Le 4 fasce delle GaE

Le cosiddette Graduatorie ad Esaurimento sono un canale di immissione in ruolo per docenti, sono provinciali e vengono aggiornate di triennio in triennio.

L’ultimo aggiornamento di queste graduatorie ha avuto luogo nel 2018/19 per gli anni scolastici 2019/20, 2020/21, 2021/22.

Il prossimo aggiornamento avverrà nel 2022 e di conseguenza sarà in essere per il triennio scolastico 2022/23, 2023/24, 2024/25.

Storicamente le graduatorie ad esaurimento sono state organizzate in quattro fasce:

  • Prima fascia. Comprendeva gli insegnanti che al momento della costituzione erano iscritti per soli titoli. Questa fascia è esaurita.
  • Seconda fascia. Comprendeva gli insegnanti che al momento della costituzione avevano maturato 360 giorni di docenza. Questa fascia è esaurita.
  • Terza fascia. Comprende coloro che dopo il momento della costituzione hanno conseguito l’abilitazione all’insegnamento e hanno avuto la possibilità di inserirsi.
  • Quarta fascia. Risale al 2012 ed è l’ultima in ordine temporale. Include gli insegnanti che negli anni 2008/09, 2009/10 e 2010/11 hanno conseguito l’abilitazione dopo aver frequentato corsi biennali abilitanti di secondo livello ad indirizzo didattico – COBASLID; 2° e 3° corso biennale di secondo livello finalizzato alla formazione dei docenti di educazione musicale delle classi di concorso 31/A e 32/A e di strumento musicale nella scuola media della classe di concorso 77/A; corsi di laurea in scienze della formazione primaria.

Ogni anno le Le GaE vengono utilizzate per assegnare il 50% dei posti riservati alle immissioni in ruolo. L’altro 50% deriva dalle graduatorie concorsuali.

Vincenzo Schirripa

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Campania, una trentina di focolai nelle scuole nell’ultima settimana

Read Next

Cabina di Regia: Toscana, Liguria, Abruzzo e Trento in Zona Arancione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular