Non è una Scuola per docenti giovani: soltanto il 6.4% ha meno di 35 anni

Vinkmag ad

Quella italiana ed europea non è una scuola per docenti giovani. Soltanto il 6.4% degli insegnanti del Belpaese, ad esempio, ha meno di 35 anni. A rivelarlo è l’ultimo rapporto Eurydice dal quale emerge anche che oltre la metà dei professori andrà in pensione nei prossimi 15 anni. In questa classifica sotto l’Italia ci sono soltanto la Grecia, con il 4.6% di insegnanti sotto i 35 anni, e il Portogallo, con una ragione percentuale di Under 35 che è del 3.4%. Lo studio sottolinea che la carenza di docenti è peggiorata negli ultimi anni e che interessa 35 sistemi educativi europei.

Gli altri dati sui docenti dell’ultimo Rapporto Eurydice

Andiamo a scoprire altri dati contenuti in questa relazione specialistica di Eurydice dal titolo “Teachers in Europe: Careers, Development and Well-being” incentrata sugli insegnanti delle scuole medie.

Apprendiamo ad esempio che fra i docenti con meno di 35 anni, oltre un terzo è impiegato con contratti a tempo determinato, e in Italia, Spagna, Austria e Portogallo, sono addirittura più di due terzi, con contratti brevi e spesso pure non superiori alla durata di un solo anno.

Considerata anche l’emergenza epidemiologica degli ultimi mesi, l’età matura e senile dei docenti rappresenta un possibile elemento di instabilità e criticità per gli apparati educativi europei.

Gli insegnanti in là con gli anni, infatti, possono essere potenzialmente più fragili e possono avere maggiore difficoltà nel gestire le nuove tecnologie su cui si basa la didattica a distanza, ma anche nuove metodologie didattiche come ad esempio il coding.

Luca Parigi

Luca Parigi

Read Previous

Ipotesi di riapertura delle scuole in Zona Rossa dopo Pasqua

Read Next

Ipotesi Nuovo DPCM 6 Aprile: scuole materne e primarie in presenza in Zona Rossa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular