Bonus 100 Euro Marzo 2020: l’emolumento a chi è stato a scuola in presenza

Vinkmag ad

Ieri, martedì 12 ottobre 2021, sono terminate le rilevazioni per il Bonus 100 Euro Marzo 2020. L’emolumento spetta a chi è stato a scuola in presenza nel corso del primo mese del primo lockdown dello scorso anno. A tale proposito un avviso sul Sidi comunicava che “in data 12/10/2021 verrà effettuato l’ultimo invio al Ministero dell’Economia e della Finanza degli importi bonus da liquidare. Dopo tale data non saranno accettati da Mef altri invii. Si invitano perciò le scuole a completare l’attività di comunicazione degli importi Bonus Covid da liquidare al proprio personale. A tal fine si ricorda che occorrerà operare fino all’autorizzazione della trasmissione di detti Bonus a Noipa, solo in tal caso gli stessi potranno essere liquidati. Tutti gli importi rilevati e autorizzati entro le ore 12 del 12 ottobre 2021 saranno elaborati da Noipa per il pagamento previsto per la prossima data di emissione dei cedolini”.

A chi spetta il Bonus 100 Euro Marzo 2020

Il Bonus 100 Euro Marzo 2020 viene effettivamente corrisposto in base ai giorni nei quali docenti e ATA hanno svolto del lavoro in presenza nel corso del terzo mese dell’anno scorso.

A tale riguardo la somma di 100 euro è il massimo percepibile e spetterà di diritto ai lavoratori che in quel mese hanno lavorato ogni giorno all’interno di un edificio scolastico.

Per il resto l’emolumento verrà corrisposto, calcolato in relazione agli effettivi giorni lavorati a marzo nella scuola, ai seguenti attori scolastici:

  • Insegnanti che hanno lavorato fino al 4 marzo
  • Dirigenti scolastici che sono andati a scuola durante la chiusura delle scuole (anche solo per parte del mese di marzo)
  • Operatori ATA che si sono recati a scuola per svolgere quelle che i presidi hanno definito attività indifferibili (anche per parte del mese di marzo)

A questo punto, conclusa la fase di rilevamento degli aventi diritto, il bonus inizierà a essere versato per quanto dovuto.

Luca Parigi

Read Previous

Le MAD hanno una scadenza? Termini e modalità di invio

Read Next

Visita fiscale: orari di reperibilità per i lavoratori della Scuola

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular