Iscrizioni scolastiche 2022/23, da oggi 4 gennaio via alle domande

Vinkmag ad

Da oggi, martedì 4 gennaio, è possibile procedere all’invio delle domande per le iscrizioni scolastiche 2022/23. Le istanze potranno essere presentate fino a venerdì 28 gennaio. La modalità via Web, ovvero le iscrizioni scuola online, è prevista per le prime classi della scuole primarie, secondarie di primo grado (medie) e secondarie di secondo grado statale (superiori). Per le scuole dell’infanzia resta invece in essere la modalità cartacea da presentare direttamente all’istituto prescelto.

Iscrizioni scolastiche 2022/23: sito Web e modalità di accesso

Per effettuare le iscrizioni scolastiche 2022/23 in modalità online è necessario accedere al sito Web https://www.istruzione.it/iscrizionionline/.

Una volta atterrati sul sito è poi possibile accedere al servizio con le seguenti modalità di accesso:

  • SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale)
  • CIE (Carta di identità elettronica)
  • eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature)

Per perfezionare l’istanza di iscrizione è necessario conoscere il codice meccanografico della scuola o del Centro di Formazione Professionale (CFP) che è possibile rintracciare nel dominio Scuola in Chiaro.

Compilazione della domanda online

Per compilare la domanda di iscrizione a una prima classe scolastica 2022/23 va cliccato sul comando “Nuova domanda”.

L’istanza si distingue in quattro sezioni:

Dati dello studente. Qui vanno inseriti i dati anagrafici e di residenza dell’alunno. È richiesto, ma non va indicato obbligatoriamente, il codice meccanografico della Scuola di provenienza.
Dati della famiglia. Qui vanno invece specificate alcune informazioni di chi sta presentando l’istanza (genitore o chi esercita la potestà genitoriale). Tali richieste sono telefono, mail, residenza e domicilio. In questa sede vanno anche indicati l’opportunità di insegnamento della religione cattolica e i dati riguardanti eventuali disabilità.
Dati della scuola. Qui vanno scelti, in ordine di priorità, ovvero di gradimento, le scuole o i CFP a cui spedire la domanda indicando il relativo codice identificativo.
Invio. A questo punto la domanda è pronta per essere inoltrata ma prima di procedere all’invio è opportuno visionare un’anteprima per verificare la correttezza delle informazioni inserite.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Ritorno a scuola, Zaia: “In caso di peggioramento dei contagi riapertura a febbraio”

Read Next

Lombardia, quasi 4mila docenti non vaccinati: sostituzioni allo studio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular