Dirigenti scolastici, liquidati gli stipendi di settembre al 70%: il resto a ottobre

Vinkmag ad

Il MIM, su indicazione del Ministro Giuseppe Valditara e nel contesto di una preziosa sinergia con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha fatto sì che già nel cedolino di settembre potessero essere accreditati ai dirigenti scolastici gli stipendi con i relativi aumenti previsti dal CCNI, firmato in via definitiva lo scorso mese di Luglio, per l’anno scolastico 2023/2024.

Per la prima volta dall’introduzione dell’autonomia scolastica il 70% dei presidi (pari a 4.899 dirigenti) percepirà a partire da oggi, venerdì 22 settembre 2023, la retribuzione allineata all’anno di riferimento, ed in gran parte con importi maggiorati in misura rilevante, già nel mese di avvio dell’anno scolastico.

Il restante 30% dei dirigenti scolastici, e tra questi chi ha avuto un nuovo incarico quest’anno, fruirà del predetto adeguamento dello stipendio al CCNI a partire dal prossimo mese di ottobre 2023.

Riguardo a quanto appena detto il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, dice: “Abbiamo mantenuto la promessa: oggi il 70% dei dirigenti scolastici troverà l’accredito degli stipendi con l’aumento previsto dal CCNI per l’anno scolastico 2023/2024. Il restante 30% vedrà gli aumenti dal mese di ottobre. Un segnale d’attenzione del Ministero per una categoria che svolge un ruolo fondamentale all’interno del sistema scolastico”.

Seguici su Google News

Luca Parigi

Read Previous

Docenti di Sostegno 2023/24, 126mila insegnanti con 68mila in deroga: dati del MIM

Read Next

Scuole Paritarie, in Italia sono quasi 12mila: oltre 811mila gli studenti iscritti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: