Rapporto Ocse-Pisa 2018, gli studenti italiani hanno seri problemi nella lettura

Vinkmag ad

Dalle valutazioni del rapporto Ocse-Pisa 2018 emergono dati preoccupanti. Questa indagine stima le competenze acquisite dagli studenti quindicenni italiani e internazionali nei confronti della lettura, della matematica e delle scienze, ma per quanto riguarda gli alunni di casa nostra i risultati fanno suonare dei seri campanelli di allarme. I giovani alunni delle nostre scuole, specialmente le ragazze, hanno evidenti problemi nella lettura, nell’elaborazione e nella comprensione di un testo. Male anche i risultati per le Scienze, mentre una piccola nota positiva arriva dalla Matematica.

Ocse Pisa 2018 Italia

I numeri del Rapporto Ocse-Pisa 2018

Gli studenti italiani che hanno aderito alle prove dell’indagine Ocse-Pisa 2018 sono stati 11.785, in rappresentanza di circa 521.000 ragazzi di 15 anni di età. In totale, invece, hanno aderito 600.000 studenti in rappresentanza di una popolazione complessiva di 32 milioni di quindicenni di 79 paesi.

Il punteggio raggiunto dagli studenti italiani nella lettura è di 476 contro i 487 della media Ocse. Di conseguenza, nella graduatoria di riferimento, l’Italia si colloca tra il 23° e il 29° posto. Il dato è leggermente inferiore all’indagine compiuta nel 2015 (485 punti), ma andando indietro nel tempo il peggioramento è ancora più netto. Nel 2009, infatti, il punteggio era stato di 486, mentre nel 2000 era stato di 487.

A livello di lettura gli studenti quindicenni italiani sono al pari di quelli svizzeri, ungheresi, lettoni, lituani, islandesi e israeliani. Ad avere un punteggio medio superiore sono invece Singapore e le province cinesi di Pechino, Shanghai, Zhejiang e Jiangsu.

Lo zuccherino ad addolcire l’amara constatazione di cui sopra è offerto dal miglioramento dei quindicenni italiani in matematica.

Guarda il rapporto completo: scarica il PDF dal sito Invalsi.

Luca Parigi

Read Previous

Decreto Scuola: sì della Camera, ora il passaggio al Senato

Read Next

Telecamere negli asili, la proposta rinnovata del consigliere leghista Rancan

3 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular