Vacanze di Pasqua 2020, dal 9 al 14 aprile stop alla didattica a distanza

Vinkmag ad

Le Vacanze di Pasqua 2020 per la Scuola vanno dal 9 al 14 aprile. In questo lasso di tempo che comprende Giovedì Santo, Venerdì Santo, Vigilia, Pasqua e Pasquetta saranno sospese le varie attività di didattica a distanza. In questi giorni, quindi, sia i docenti che gli studenti potranno tirare un po’ il fiato dopo il tour de force che hanno dovuto affrontare in seguito alla chiusura dei plessi scolastici. In questo modo, inoltre, i ragazzi potranno passare un po’ di tempo di qualità insieme ai genitori e agli altri familiari.

Vacanze di Pasqua Scuola 2020: alcuni dissidi tra presidi e docenti

In verità non tutti i dirigenti scolastici gradiscono lo stop imposto dalle vacanze di Pasqua.

Alcuni presidi, ad esempio, chiedono di abbreviare le vacanze pasquali per cercare di recuperare un po’ di tempo che può essere stato perso nell’ultimo mese per gli effetti dell’improvvisa riorganizzazione didattica.

In particolare per alcuni presidi sarebbe ideale andare avanti con le lezioni online fino a venerdì 10 aprile e riprendere le attività a partire già dal giorno dopo Pasquetta. In questo modo però gli studenti potrebbero fruire solo di tre giorni rappresentati dalla Vigilia, dalla stessa Pasqua e dal Lunedì dell’Angelo.

A tale riguardo l’Associazione nazionale presidi ha specificato che ogni istituto scolastico si sta regolando in autonomia. Tuttavia, la stessa associazione invita a considerare il fatto che i ragazzi è da circa un mese che sono insieme ai loro familiari e quindi non sarebbe male pensare di poter recuperare almeno 1 o 2 giorni.

Dal canto suo il Ministero dell’Istruzione guidato da Lucia Azzolina ribadisce che le vacanze pasquali 2020 vanno dal 9 al 14 aprile e in questi giorni è lecito stoppare ogni forma di e-learning e ogni espressione di didattica a distanza.

Giorno più o giorno meno, comunque, alla fine l’importante sarà passare una Pasqua serena perché ne abbiamo tutti un gran bisogno.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Innova per l’Italia, al bando hanno aderito già 7 Università

Read Next

Registro elettronico: cos’è e a cosa serve

One Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular