Certificazioni di lingua inglese Cefr per studiare all’estero

Vinkmag ad

Considerato che l’inglese è la lingua più parlata al mondo e che può servire ad aprire molte porte professionali, molti giovani possono scegliere di compiere i loro studi accademici in Inghilterra, U.S.A. e altri paesi anglofoni. A tale riguardo, le certificazioni di lingua inglese Cefr per studiare all’estero sono una sorta di garanzia che gli atenei internazionali richiedono per poter seguire i loro corsi di laurea. Per completezza di informazione, CEFR è un acronimo che sta per Common European Framework of Reference for Languages, ovvero Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER).

Le principali Certificazioni di lingua inglese Cefr Qcer

Secondo le disposizioni Cefr la padronanza linguistica può essere classificata in 6 livelli crescenti:

  • A1 Principiante
  • A2 Elementare
  • B1 Intermedio
  • B2 Intermedio Superiore
  • C1 Avanzato
  • C2 Esperto

Tra questi, il livello base per seguire una lezione universitaria in inglese o per illustrare una presentazione è il B2. Per questa ragione vari corsi di laurea in lingua inglese richiedono una certificazione di tale livello o C1.

Per il riconoscimento delle suddette competenze linguistiche, chi vuole seguire un Master o un corso universitario in un paese anglofono può sostenere gli esami Cambridge, ideali anche per finalità professionali.

Per chi intende svolgere una carriera universitaria in terra statunitense un esame molto gettonato è il Toefl, mentre lo Ielts è in generale uno dei più famosi e anche uno dei più richiesti per le certificazioni C1 e C2. Di Ielts esistono due tipologie principali: l’Academic, che come suggerisce il nome è più ideale per gli studenti, e il General Training, che invece è più adatto per scopi professionali.

Gli esami del Trinity College di Londra invece non hanno una grande considerazione internazionale, ma possono rappresentare un buon banco di prova per valutare le competenze linguistiche di studenti delle scuole superiori.

Luca Parigi

Luca Parigi

Read Previous

Covid, nessuna idennità di rischio per gli insegnanti

Read Next

Docenti mancanti, la situazione supplenze dopo 20 giorni dall’inizio del nuovo anno

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular