Organico Ata Covid, nessun licenziamento ma stop a nuovi contratti

Vinkmag ad

Stando a fonti ministeriali la Cisl Scuola sostiene che, come già deciso per le supplenze, anche per l’organico ATA Covid non ci sarà nessun licenziamento. Questo significa che per per i contratti di lavoro firmati per i posti COVID ex art.231bis D.L. 34/2020 verrà eliminata la clausola risolutiva. Originariamente tale clausola prevedeva l’interruzione del rapporto di lavoro in caso di nuovi lockdown. Di licenziamenti quindi non ci saranno, ma per il momento è stato imposto lo stop a nuove assunzioni.

La Cisl rassicura l’organico ATA Covid

Il sindacato Cisl Scuola ha rasserenato gli operatori ATA Covid affermando che “a breve la funzione con la modifica del contratto verrà rilasciata anche per gli Ata”.

In questi giorni i timori avevano iniziato a serpeggiare per una comunicazione apparsa sul SIDI. “Si rende noto che su richiesta della Direzione Generale per il personale scolastico sono stati aggiornati i testi dei contratti di tipo N01, N15, N19 e N26 quando stipulati per art.231bis D.L.34/2020 per il solo personale docente ed educativo, eliminando la clausola risolutiva”.

Il messaggio, quindi, pareva rivolgersi soltanto agli insegnanti, anche se nella norma contenuta nel Decreto Agosto relativa al lavoro agile non venivano fatte distinzioni tra una categoria (i docenti) e l’altra (il personale Ata).

Negli ultimi giorni anche l’altra sigla sindacale Anief si è spesa per l’eliminazione della clausola risolutiva per l’organico ATA Covid.

Luca Parigi

Read Previous

Morto Gigi Proietti, Azzolina e Ascani rendono onore alla sua figura di insegnante

Read Next

Dad al 100%, Giannelli: “Rischio di divario formativo irrecuperabile”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular