Patto per la Scuola: i punti programmatici fissati da Ministero e Sindacati

Vinkmag ad

Nella sera di giovedì 20 maggio 2021 è stata finalmente posta la firma sul Patto per la Scuola. Il documento in questione si compone di alcuni punti programmatici che il Ministero dell’Istruzione e e le sigle sindacali hanno concertato per il miglioramento dell’istruzione italiana. Il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha commentato l’intesa raggiunta con le parti sociali con queste parole: “Sono convinto che la via intrapresa, quella del dialogo e del Patto, resti la via necessaria per trovare delle soluzioni per il Paese. Questo Patto è la base per gli sviluppi successivi. Vogliamo andare avanti e quindi prendiamo questo come un punto di partenza, che abbiamo costruito insieme, per rimettere la scuola al centro”.

I punti programmatici del Patto per la Scuola

Di seguito riportiamo alcuni degli obiettivi che compongono il Patto dell’Istruzione siglato dal dicastero di Viale Trastevere e dalle associazioni sindacali.

Messa a punto di nuove procedure di assunzione orientate a garantire la presenza di ogni figura professionale prevista dall’organico il 1° settembre di ogni anno. Tale strategia è assolutamente necessaria per non arrivare a metà settembre con un quadro incompleto di docenti necessari allo svolgimento delle attività didattiche. Per la concretizzazione di questa finalità sarà introdotto un canale urgente e transitorio di reclutamento a tempo indeterminato.

Di cui al punto sopra: procedure per il reclutamento del personale scolastico semplificate e mirate all’immissione in ruolo di docenti esperti e preparati. A tale proposito le nuove procedure saranno più snelle, ma saranno strutturate in modo da far emergere le migliori competenze. Oltre a questo dovrà essere sviluppata l’offerta formativa per gli insegnanti.

Messa in sicurezza delle ambientazioni scolastiche in base all’evoluzione dell’emergenza sanitaria, ma anche ottimizzando l’efficientamento energetico e sismico delle scuole. Non è da escludersi un esteso programma di riqualificazione degli edifici scolastici nel contesto delle iniziative stabilite nel PNRR.

Contrastare con ogni mezzo il fenomeno della dispersione scolastica e aumentare l’inclusività dell’offerta scolastica. Ampliare i progetti didattici soprattutto nelle zone depresse del Paese.

Garantire la continuità didattica attraverso una programmazione a medio-lungo termine. I neoassunti, in ogni modo, non saranno soggetti al vincolo quinquennale di permanenza nello stesso istituto, ma potranno chiedere il trasferimento dopo 3 anni di servizio.

Molti di questi punti trovano un diretto avallo e il loro primo sviluppo nelle varie misure per la Scuola del Decreto Sostegni Bis.

Leggi il testo integrale del Patto per la Scuola 2021.

Patto per la Scuola Ministro Bianchi

Seguici su Google News

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Cade il vincolo quinquennale per i neoassunti: mobilità dopo permanenza triennale

Read Next

Siglato il Protocollo per la sicurezza degli Esami di Maturità 2021

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: