Cade il vincolo quinquennale per i neoassunti: mobilità dopo permanenza triennale

Vinkmag ad

L’approvazione del Decreto Sostegno Bis da parte del Consiglio dei Ministri fa cadere il vincolo quinquennale per i neoassunti. I nuovi docenti immessi in ruolo potranno chiedere mobilità, trasferimenti e avvicinamenti a casa dopo tre anni di servizio nella stessa scuola. Tale intervallo di tempo vuole rappresentare una buona via di mezzo tra la continuità didattica da assicurare agli alunni e la necessità di alcuni insegnanti di potersi approssimare alla famiglia. Gli insegnanti assunti in precedenza, invece, possono essere esonerati dal blocco di 5 anni nello stesso istituto scolastico per esubero o legge 104.

Le nuove misure per l’Istruzione del Decreto Sostegni Bis

La riduzione del vincolo quinquennale da 5 a 3 anni è una delle misure per la Scuola del Decreto Sostegni Bis approvato ieri, giovedì 20 maggio 2021.

Riguardo alla riduzione del blocco che impone l’obbligo di un lustro di servizio nello stesso istituto si legge: “Al comma 3 dell’articolo 399 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297– si legge – le parole: “cinque anni scolastici” sono sostituite dalle parole: “tre anni scolastici” e al comma 3 dell’articolo 13 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, le parole: “quattro anni” sono sostituite dalle parole: “due anni”. Al fine di tutelare l’interesse degli studenti alla continuità didattica, i docenti possono presentare istanza volontaria di mobilità non prima di tre anni dalla precedente, qualora in tale occasione abbiano ottenuto la titolarità in una qualunque sede della provincia chiesta“.

Le altre disposizioni del Decreto Sostegni Bis per la Scuola riguardano l’avvio del prossimo anno scolastico, lo stanziamento di nuove risorse economiche per fronteggiare l’emergenza sanitaria (sia per scuole statali che paritarie), le modalità di assunzione per il settembre 2021 e la semplificazione delle procedure concorsuali.

Sempre in tema di docenti, oggi venerdì 21 maggio 2021 è previsto l’accredito dello stipendio di maggio 2021. Questo mese l’erogazione avviene con un paio di giorni di anticipo perché il 23 cade di domenica che è un giorno festivo.

Vincenzo Schirripa

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Decreto Sostegni Bis: tutte le misure per la scuola

Read Next

Patto per la Scuola: i punti programmatici fissati da Ministero e Sindacati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular