Sciopero a Roma per lunedì 11 novembre indetto dai sindacati della scuola

Vinkmag ad

I principali sindacati della scuola hanno indetto uno sciopero a Roma per la giornata di lunedì 11 novembre 2019. La decisione è nata dopo la pubblicazione del decreto scuola che non soddisfa quanto atteso dalle sigle Flc Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola RUA, GILDA Unams e SNALS Confsal. La mobilitazione in programma per il secondo lunedì di novembre è stata affidata anche a una nota: “abbiamo avuto modo di constatare con rammarico che il Governo sta disattendendo gli impegni assunti, prima nella sede di Palazzo Chigi nell’aprile scorso, e poi nel più recente accordo del 1° ottobre con il Ministro dell’Istruzione.”

Lunedì 11 novembre sciopero nazionale della scuola a Roma

Il secondo lunedì di novembre i maggiori sindacati scolastici scenderanno in piazza a Roma per manifestare contro il decreto scuola appena pubblicato. La mobilitazione nella Capitale prenderà vita nel pomeriggio nei pressi delle sedi istituzionali e avrà una eco nazionale con vari presidi concomitanti in altre città italiane.

Riguardo alle ragioni che hanno portato all’indizione dello sciopero, i maggiori sindacati della scuola scenderanno in piazza per protestare contro la disgiunzione tra concorso straordinario e abilitazioni e contro l’ammissione al concorso DSGA per i soli laureati.

Per la prima questione le sigle rimarcano il fatto che l’apertura al personale delle scuole paritarie non esaurisce di fatto la partita dei concorsi abilitanti per i soggetti esclusi da inserire in un annesso alla legge di bilancio. Oltre a questo, per i sindacati è necessario proseguire a onorare il recente accordo sui diplomati magistrali con la prosecuzione delle previsioni del decreto dignità.

Per la seconda questione, invece, Flc Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola RUA, GILDA Unams e SNALS Confsal trovano inammissibile che siano stati depennati dal concorso riservato i facenti funzione di DSGA sprovvisti di laurea. Le sigle sindacali, infatti, sostengono che se il sistema Scuola negli ultimi anni ha funzionato è anche grazie all’ottimo operato di tanti assistenti amministrativi che hanno svolto le loro funzioni anche in assenza di un titolo specifico.

Luca Parigi

Luca Parigi

Read Previous

Asili nido troppo costosi per una famiglia, spesa media di 303 euro al mese

Read Next

Concorso ordinario per la scuola secondaria: requisiti e abilitazioni

4 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular