Coronavirus, conclusa la sanificazione di asili e scuole di Roma

Vinkmag ad

“In questo periodo difficile la sfida al Coronavirus ha sicuramente la priorità su tutto. Roma e i suoi abitanti stanno facendo la loro parte, con senso di responsabilità e coraggio”. Questo è il senso del messaggio che la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha postato sulla sua pagina Facebook in merito all’emergenza sanitaria nella capitale. La prima cittadina ha anche colto l’occasione per annunciare lo stop della tassa di soggiorno e la conclusione delle azioni di pulizia e sanificazione di asili nido e scuole dell’infanzia romane. Intanto anche gli studenti e i docenti romani si sono organizzati per fare e-learning attraverso vari strumenti di didattica a distanza.

Conclusa la pulizia di asili nido e scuole dell’infanzia a Roma

La sindaca capitolina Virginia Raggi ha annunciato: “Nei giorni scorsi abbiamo avviato una sanificazione straordinaria di asili nido e scuole dell’infanzia di Roma. Le operazioni sono terminate: sono stati puliti e sanificati più di 700 istituti scolastici, 500 mense e 400 mezzi adibiti per il trasporto scolastico. Quando sarà il momento di tornare a scuola fare altre pulizie straordinarie”.

Poi la prima cittadina prosegue: “Nella Capitale ogni giorno continuano gli interventi di igienizzazione e pulizia di strade, vie, piazze e cassonetti. Sono stati usati già 300.000 mila litri di igienizzante e gli operatori Ama hanno pulito al momento attuale circa 22.000 cassonetti”.

La situazione attuale per il sistema scolastico italiano

Considerato il persistere dell’emergenza sanitaria in corso è quantomai utopistico pensare che il 3 aprile le scuole italiane possano riaprire.

Purtroppo la diffusione del Coronavirus è molto più ostica di quanto si potesse pensare e sarà davvero difficile, se non proprio impossibile, che possa rientrare totalmente in soli 20 giorni.

Per il momento la soluzione più intelligente è quella di perfezionare il meccanismo della didattica a distanza, attraverso la quale gli insegnanti e gli alunni possono restare costantemente in contatto per scambiarsi lezioni e compiti.

Luca Parigi

Read Previous

Concorsi Scuola, rinviata a maggio la pubblicazione dei bandi

Read Next

Didattica a distanza: classi virtuali, compiti a casa e voti online

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular