Animatori Digitali, stanziati 8.2 milioni di euro per il potenziamento

Vinkmag ad

La cifra di 8,2 milioni di euro è stata stanziata per migliorare le attività di didattica a distanza tramite l’operatività degli Animatori Digitali. Ogni istituto avrà un contributo di 1000 euro che potrà essere usato per la formazione dei docenti sulle principali modalità didattiche online. L’Animatore Digitale è comparso nelle scuole alla fine del 2015, introdotto dal Piano Nazionale Scuola Digitale, e grazie a queste risorse potrà promuovere tra gli insegnanti la conoscenza di nuovi strumenti didattici, provare insieme agli altri colleghi delle forme innovative di insegnamento via Web e stimolare l’intera comunità scolastica.

Animatori Digitali: identikit e mansioni

L’Animatore Digitale di solito è un docente ben integrato nell’istituto scolastico e che ha una buona preparazione tecnologica.

Di fatto aiuta il preside e il DSGA nella progettazione e messa a punto dei progetti didattici che prevedono l’impiego di pc, tablet, dispositivi elettronici e software. Ogni scuola sceglie il suo Animatore Digitale e successivamente questo insegnante viene formato, nelle strutture adeguate con un finanziamento statale.

Una volta calati nel loro ruolo gli Animatori Digitali devono preparare progetti annuali da inserire nel POF e sul sito della scuola. In questo momento di grave emergenza sanitaria, ad esempio, queste figure opereranno per cercare di migliorare il processo di didattica a distanza attraverso l’impiego di servizi internet e di piattaforme idonee allo scopo.

“Con questo stanziamento da 8,2 milioni – dice la Ministra Lucia Azzolinavogliamo sostenere, in questo difficile momento, tutte le scuole che si stanno adoperando con le attività di didattica a distanza. Siamo a conoscenza del fatto che ci sono situazioni diverse e un preciso compito del Ministero sarà quello di supportare tutti. Questa erogazione è un contributo che va a sommarsi agli 85 milioni previsti nel recente decreto-legge per il potenziamento della didattica distanza e dell’e-learning. Tutti gli sforzi che stiamo facendo in questi giorni sono dei semi i cui frutti verranno raccolti alla fine di questa emergenza: dobbiamo fare in modo di trasformare questa fase critica in una opportunità per migliorare il nostro sistema di istruzione”.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Dantedì, mercoledì 25 marzo prima edizione per le letture social di Dante

Read Next

Istruzione, la ministra Azzolina in videoconferenza con Mariya Gabriel

One Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular