Edilizia scolastica, 855 milioni di euro per le scuole superiori

Vinkmag ad

Per effettuare i prossimi interventi di edilizia scolastica sono stati stanziati 855 milioni di euro per l’efficientamento energetico e la ristrutturazione delle scuole superiori. Questa somma verrà assegnata a 104 Enti Locali che nella giornata di ieri, mercoledì 7 ottobre, hanno ricevuto la comunicazione con gli importi disponibili. Gli Enti Locali, dal canto loro, entro la data del 17 novembre dovranno inviare al Ministero dell’Istruzione le liste degli interventi che richiedono un finanziamento in ordine di priorità. Per farlo potranno accedere a una specifica pagina Web dedicata all’edilizia scolastica e raggiungibile al link https://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/fin-province-citta-metropolitane.shtml. Per facilitare l’invio delle istanze il Ministero dell’Istruzione appronterà una serie di Webinar da lunedì 12 ottobre.

Elenco degli enti locali beneficiari e relativi importi

In questa tabella sono riportati gli enti locali beneficiari dei finanziamenti e i relativi importi per le attività di ristrutturazione.

Come detto sopra le varie somme dovranno servire per opere di efficientamento energetico e di ristrutturazione. Questo significa che i soldi dovranno essere spesi per migliorare la funzionalità energetica ed edilizia dei vari edifici scolastici.

Purtroppo in Italia ancora oggi molte scuole versano in condizioni critiche, se non in uno stato di vero e proprio degrado strutturale. La riprova è che ogni settimana non manca mai una notizia di cronaca su un cornicione staccato, un tetto in frantumi o un pavimento a pezzi.

Magari c’è anche da dire che in Italia le scuole sono davvero tante e cercare di mettere una toppa a ogni falla non è oggettivamente facile. Tuttavia quando un edificio comincia a cadere a pezzi significa che su quelle mura in passato non sono mai state compiute opere di ricognizione finalizzate a scovare eventuali criticità.

La somma di 855 milioni di euro è notevole, è quel che si dice “una somma importante” e la speranza è che possa essere spesa nella maniera migliore per ristrutturare in modo duraturo molti istituti.

Luca Parigi

Luca Parigi

Read Previous

400 cattedre libere ad Arezzo ma si presentano solo in 15: il vero motivo dei rifiuti

Read Next

Fridays For Future Italia: venerdì 9 ottobre giornata di sensibilizzazione

One Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular