Stop al concorso straordinario docenti: in molti avevano chiesto il rinvio

Vinkmag ad

Nel novero di misure del nuovo DPCM che interessano la Scuola c’è anche lo Stop al concorso straordinario docenti. Nelle settimane scorse in molti avevano chiesto il rinvio e il fatto più importante è che la richiesta di bloccare il calendario dei test non era arrivata solo da un determinato schieramento politico, ma da più parti. In definitiva, quindi, l’invito a non procedere con le prove scritte di questa procedura concorsuale per insegnanti con 36 mesi di servizio era ciò che viene definita un’istanza trasversale o anche “richiesta senza bandiera”.

Stop al concorso straordinario e sospensione per tutte le procedure concorsuali

Il DPCM di inizio novembre 2020 stabilisce la sospensione di tutti i concorsi pubblici e privati. Da questa decisione nasce quindi lo stop al concorso straordinario docenti.

A restare fuori dall’esclusione fissata del decreto sono i concorsi il cui svolgimento è previsto per valutazione telematica o per titoli.

Pino Turi, segretario generale del sindcato Uil Scuola, dice: “L’interruzione del calendario delle prove, a nostro parere archivia un concorso nato male e proseguito peggio, che ora mette i candidati in posizioni diversificate. Ancora altre disparità di trattamento”.

Il segretario poi prosegue: “Il nuovo DPCM archivia il concorso e apre una strada di riflessione nuova che serve a mettere il prossimo anno scolastico nelle condizioni di prendere il via senza ritardi didattici ed educativi. È necessario pensare a una nuova strategia di reclutamento. Questo non è il tempo delle polemiche e dei rimpianti”.

Per la cronaca le prove scritte della procedura straordinaria per insegnanti si sono svolte fino a ieri, giovedì 5 novembre, e avrebbero dovuto proseguire fino a metà mese per le classi di concorso ancora in programma.

Luca Parigi

Luca Parigi

Read Previous

Conferenza Internazionale sulla Lotta al Bullismo nelle scuole

Read Next

La Puglia riapre elementari e medie da oggi sabato 7 novembre

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular