Stipendi Supplenti Brevi, molti ancora non sono stati pagati

Vinkmag ad

Il deputato del PD Anthony Emanuele Barbagallo comunica che alla fine di gennaio 2024 molti stipendi dei supplenti brevi non sono stati ancora pagati e ciò è davvero sconcertante. Nonostante la promessa ministeriale di saldare i compensi tra il 18 e il 19 gennaio, tanti tra insegnanti e collaboratori scolastici precari ancora non hanno percepito nessun compenso relativo al lavoro svolto nelle scuole negli ultimi mesi del 2023.

Barbagallo (PD), ancora da pagare tanti stipendi dei supplenti brevi

A seguire la denuncia del deputato Barbagallo riguardante la mancata corresponsione degli stipendi per docenti e ATA precari.

“Sono moltissimi i docenti e il personale ATA in supplenza che non percepiscono lo stipendio da diversi mesi. I pagamenti sono tardivi e a macchia di leopardo. Il problema non è nuovo agli addetti ai lavori, che ogni anno si trovano a osservare la stessa situazione”.

“I ritardi nel pagamento degli stipendi per il personale precario sembrano ormai un’antipatica e sgradevole consuetudine e le organizzazioni sindacali, a più riprese, hanno espresso preoccupazione”.

Nelle scorse settimane anche su queste pagine avevamo manifestato il nostro stupore, se non proprio sconcerto, per la ricorrente situazione che vede i supplenti brevi essere pagati con ritardi mostruosi.

Il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, nelle scorse settimane aveva annunciato la ricerca di una soluzione strutturale per ovviare a questo vergognoso problema, ma per il momento tanti docenti e tanti ATA si ritrovano letteralmente a “campare d’aria”.

Seguici su Google News

Luca Parigi

Read Previous

Materie Maturità 2024, Greco al Liceo Classico, Matematica allo Scientifico: tutte le discipline della seconda prova

Read Next

Carta Cultura e Carta del Merito, domande al via dal 31 gennaio 2024

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: