Graduatorie di istituto provinciali e digitali: riapertura e aggiornamento

Vinkmag ad

Graduatorie di istituto provinciali e digitali. Tra i cambiamenti in arrivo nel sistema scolastico c’è anche la riapertura e l’aggiornamento delle liste docenti. Si rinnovano quindi le modalità di considerazione degli elenchi di istituto dai quali i presidi attingono per attribuire eventuali supplenze. La provincializzazione e la digitalizzazione delle graduatorie servirà a offrire più possibilità di assunzione ai docenti e a snellire una burocrazia che anche qualche mese fa ha rischiato di inceppare seriamente il meccanismo.

Le graduatorie di istituto diventano provinciali con domande online

Cosa significa che le graduatorie di istituto diventano provinciali e digitali?

Per quanto riguarda la provincializzazione, l’insegnante sceglie la provincia (anche differente da quella del 2017) e così potrà essere potenzialmente candidato alle supplenze assegnate negli istituti presenti in quella provincia per gli incarichi fino al 30 giugno o al 31 agosto.

Oltre a quanto appena detto, per l’assegnazione degli incarichi di supplenza temporanei che continueranno ad essere assegnati dai presidi degli istituti ogni docente potrà indicare fino a 20 scuole .

Per quanto riguarda la digitalizzazione addio alle domande in presenza e di conseguenza addio a scartoffie e ad assembramenti che di questi tempi sono quantomai deprecati. Tutto il procedimento di presentazione della domanda sarà effettuato online. Questo cambiamento nell’avanzamento delle istanze si spera che possa snellire tutto l’iter che va dalla stessa presentazione alla verifica dei punteggi.

I tempi di attribuzione delle supplenze saranno molto veloci: in linea teorica per il primo giorno del nuovo anno scolastico molte province potrebbero già disporre di supplenti abili, dal momento che le nomine avverranno in una sola giornata o, alla peggio, nel volgere di pochi giorni. Tra aggiornamenti e nuovi inserimenti è stato stimato tra II e III Fascia arriveranno un milione di domande.

Per concorrere a nuove supplenze e avere più possibilità di chiamata può essere poi sempre opportuno inviare una messa a disposizione.

Vincenzo Schirripa

Read Previous

Ultimo giorno di scuola insieme all’aperto: per il CTS si può fare

Read Next

Maturità 2020: mancano presidenti esterni in regioni del Centro Nord

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular